informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le Alleanze della Prima Guerra Mondiale?

Comments Off on Quali sono le Alleanze della Prima Guerra Mondiale? Studiare ad Ancona

Capire le Alleanze della Prima Guerra Mondiale è un passo fondamentale per comprendere la storia del conflitto nella sua interezza.

Tipicamente, in una guerra, ci sono fazioni contrapposte che si scontrano: ognuna di queste persegue un suo interesse e anche per il Primo Conflitto Mondiale è stato così.

Continuando nella lettura scoprirai:

  • Gli schieramenti della I Guerra Mondiale
  • Gli Stati coinvolti
  • L’evoluzione di Alleanze e conflitto

Se sei pronto, iniziamo subito.

Gli schieramenti della Prima Guerra Mondiale

La Prima Guerra Mondiale ha cambiato radicalmente gli assetti sociali, politici ed economici dei Paesi coinvolti. Ecco tutte le Alleanze che devi conoscere.

Triplice Alleanza

La Triplice Alleanza fu ratificata nel 1882 dagli imperi della Germania e dell’Austria-Ungheria, già stretti nella Duplice alleanza, nonché il Regno d’Italia.

L’accordo, di natura difensiva, fu fortemente voluto dall’Italia, che desiderava imporsi nel contesto internazionale e isolare la Francia, trionfante nelle campagne del Nord Africa.

L’Alleanza prevedeva che Germania e Austria avrebbero soccorso l’Italia nel caso di un attacco da parte della Francia, e così per le altre due se aggredite da potenze nemiche. In caso di dichiarazione di guerra da parte di una delle tre le altre si sarebbero dichiarate almeno neutrali.

L’accordo venne rinnovato nel 1887, con alcune aggiunte riguardanti una possibile espansione nei Balcani da parte di Italia e Austria, al termine della quale all’Italia sarebbero andati i territori subalpini. Inoltre, in caso di conflitto con la Francia, l’Italia avrebbe avuto appoggio dalla Germania e ottenuto territori come Corsica, Tunisi e Nizza.

Nel corso degli anni a seguire ci furono altre revisioni, nonostante le ostilità crescenti tra Austria e Italia. La fine dell’Alleanza ci fu nel 1913 quando l’Austria annunciò di voler attaccare la Serbia: l’Italia si dichiarò dapprima neutrale, data la natura offensiva, ma divenne parte attiva dopo il coinvolgimento dell’Albania.

Allo scoppio del Primo Conflitto Mondiale, l’Italia si dichiarò neutrale denunciando l’Alleanza.

All’uscita dell’Italia, Germania e Austria trovarono un sostegno da parte dell’Impero Ottomano e della Bulgaria. L’Alleanza prese poi il nome di Quadruplice Alleanza.

Triplice Intesa

La Triplice intesa fa riferimento all’accordo tra Gran Bretagna, Francia e Russia nel 1907, che durò almeno fino ad un certo punto del conflitto mondiale.

L’accordo nacque principalmente dal riavvicinamento militare ed economico di Francia e Russia, e quello di Francia e Gran Bretagna. A differenza della Triplice Alleanza, l’accordo non venne formalizzato.

L’Italia poi entrò a far parte dell’Intesa nel 1915 con il Patto di Londra, uscendo dalla Triplice Alleanza. La Russia abbandonò invece l’Intesa nell’ottobre del 1917.

Nel 1917 però entrarono a far parte del gruppo anche Stati Uniti e Giappone.

Sulle Alleanze del Primo Conflitto Mondiale abbiamo detto tutto: continua e seguirci per scoprire aneddoti, curiosità e consigli per migliorare il tuo studio ogni giorno.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali