informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Libri sulla rivoluzione industriale: ecco i 7 da leggere assolutamente

Commenti disabilitati su Libri sulla rivoluzione industriale: ecco i 7 da leggere assolutamente Studiare ad Ancona

Curioso di scoprire quali sono i libri sulla rivoluzione industriale che non possono mancare nella tua libreria?

Sei nel posto giusto: in questa guida ti sveleremo quali sono i libri che dovresti leggere assolutamente per comprendere davvero il fenomeno della rivoluzione industriale, osservandone l’impatto tecnologico, ma anche economico, politico e sociale.

Con il termine rivoluzione industriale facciamo riferimento a quel processo di evoluzione economica o industrializzazione della società che ha trasformato il vecchio sistema agricolo-commerciale in un sistema industriale, che si distingue per l’utilizzo delle macchine e di nuove fonti energetiche come i combustibili fossili. Accanto a questo, una serie di forti innovazioni tecnologiche hanno contribuito a questo processo di sviluppo, che ha causato molte modifiche all’assetto socio-culturale e politico.

Tradizionalmente facciamo un’ulteriore distinzione fra prima e seconda rivoluzione industriale inglese: la prima ha coinvolto essenzialmente settore tessile-metallurgico con l’introduzione della spoletta volante e della macchina a vapore nella seconda metà del ‘700; la seconda rivoluzione industriale viene fatta convenzionalmente partire dal 1870 con l’introduzione dell’elettricità, dei prodotti chimici e del petrolio.

Vediamo ora quali sono i libri e i romanzi sulla rivoluzione industriale che dovresti leggere per capire davvero la portata di questo fenomeno.

Libri e romanzi sulla rivoluzione industriale da leggere

Quali sono i libri che riescono a raccontare meglio l’industrializzazione e l’impatto che ha avuto nel corso di questi secoli? Siediti e mettiti comodo: la risposta a questa domanda nei prossimi paragrafi di questa guida dell’Università Niccolò Cusano di Ancona.

LEGGI ANCHE – Libri gialli consigliati: 8 titoli da leggere assolutamente

romanzi sulla rivoluzione industriale

Tempi difficili – Charles Dickens

Apriamo la nostra guida dedicata ai libri sulla rivoluzione industriale con un capolavoro dello scrittore inglese Charles Dickens: Tempi difficili.

Questo romanzo, il decimo di Dickens, è stato pubblicato per la prima volta nel 1854; si tratta di un romanzo di critica sociale, come altri scritti in quegli anni dallo stesso autore.

Il romanzo è ambientato a Coketown (letteralmente “Città del carbone”), un’immaginaria città industriale; l’intero libro è articolato in tre parti, intitolate La semina, la mietitura e il raccolto.

La cassa di risonanza del romanzo, ai tempi, fu enorme:  questo ricevette commenti positivi e negativi da molti critici tra cui F.R. Leavis, George Bernard Shaw, e Thomas Babington Macaulay, che sottolinearono soprattutto le posizioni di Dickens nei confronti dei sindacati e il pessimismo della sua analisi sociale.

L’autore di Oliver Twist è sicuramente da leggere per capire le caratteristiche del romanzo sociale e per esaminare le conseguenze che l’industrializzazione ha portato con sé.

Rivoluzione industriale e rivolta nelle campagne – Eric J. Hobsbawm,George Rudé

Passiamo ora ad un libro sulla rivoluzione industriale scritto da storici: Rivoluzione industriale e rivolta nelle campagne.

La premessa fondamentale dell’analisi degli autori fa riferimento alle importanti trasformazioni politiche e sociali che interessarono l’Inghilterra tra il XVI e il XVIII. Alla luce di questi enormi cambiamenti, la  più profonda mutazione colpì proprio le campagne: l’adozione di tecniche agricole più avanzate seguite da un aumento della produttività e la conseguente maggiore accumulazione di capitali nelle mani di ricchi proprietari generarono la trasformazione di alcuni coltivatori in salariati e, nei momenti di crisi maggiore, in braccianti disperati.

Il questo testo emblematico, Hobsbawm ricostruisce le trasformazioni, le tensioni e le lotte di un mondo agricolo trasformato dall’avvento della rivoluzione. Da leggere per osservare l’industrializzazione delle campagne con un’interessante punto di vista.

La rivoluzione industriale 1760-1830 – Thomas S. Ashton

Parlando di libri sulla rivoluzione industriale non possiamo non citare il saggio di Thomas S. Ashton. Si tratta di un’accurata ricostruzione di uno dei periodi cruciali della storia europea, durante il quale una concentrazione di fattori demografici, produttivi, sociali, finanziari e tecnologici mutò il volto della storia.

Nel suo testo, Ashton, uno dei maggiori studiosi di storia economica, dà la sua visione della rivoluzione, illustrandone tutte le peculiarità.

Germinale – Émile Zola

Torniamo ora a parlare di romanzi, con un capolavoro dello scrittore francese Émile Zola: Germinale.

Questo celebre libro è il tredicesimo del Ciclo de “I Rougon-Macquart” e vide la sua prima pubblicazione come “feuilleton” nella rivista Gil Blas tra il novembre 1884 e il febbraio 1885.

La storia si svolge nella zona mineraria del nord della Francia e descrive la dura vita dei minatori della seconda rivoluzione industriale, oltre che l’organizzazione politica e sindacale della classe operaia.

Tra i libri ambientati nella seconda rivoluzione industriale, sicuramente una perla preziosa che non può mancare nella tua libreria.

Prometeo liberato – David S. Landes

Un altro testo interessante che indaga le cause dello sviluppo industriale e le sue caratteristiche è Prometeo liberato di David S. Landes. Il libro parte dall’assunto che la rivoluzione industriale includa quel complesso di innovazioni tecnologiche che, sostituendo all’abilità umana le macchine e alla fatica di uomini e animali l’energia inanimata, rendono possibile il passaggio dall’artigianato alla manifattura, dando vita cosí a un’economia moderna.

Sulla base di questo presupposto, l’autore costruisce la sua analisi, valutando e spiegando con minuzia di particolari tutti i modelli interpretativi che gravitano attorno all’industrializzazione.

4.0. La nuova rivoluzione industriale – Patrizio Bianchi

Passiamo ora ad un libro molto diverso dai precedenti, che parla sì di rivoluzione industriale, ma fa riferimento a qualcosa che stiamo vivendo ai giorni nostri: la rivoluzione 4.0

Il nostro mondo è fatto di risorse digitali presenti in modo sempre più imponente nel quotidiano: parliamo, ad esempio, di internet delle cose, intelligenza artificiale, robotica, realtà virtuale.

Il libro di Patrizio Bianchi, sulla base di una riflessione sulle rivoluzioni industriali del passato, vuole mostrarci come in gioco vi siano profondi rivolgimenti sociali e territoriali, non solo la tecnologia. Oggi la quarta rivoluzione ci obbliga a ripensare radicalmente stili di vita, modelli educativi, modi di consumare, produrre, lavorare, interagire. Cruciali il ruolo dell’informazione e della politica.

Una lettura interessante per comprendere meglio le dinamiche del mondo di oggi.

La quarta rivoluzione industriale – Klaus Schwab

Concludiamo la nostra guida con un’altra lettura dedicata alla rivoluzione industriale di oggi: si tratta de La quarta rivoluzione industriale di Klaus Shwab.

Secondo l’analisi di Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, siamo oggi all’inizio  di una trasformazione che modificherà radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e comunichiamo.

Supercomputer portatili e disponibili ovunque, robot intelligenti, aumento delle capacità cerebrali grazie alla neuro-tecnologia, innovazioni che continuano a dominare la nostra vita e il nostro quotidiano ci stanno trascinando, secondo l’autore, verso una quarta rivoluzione industriale.

I mutamenti nella società che questa quarta rivoluzione porterà apriranno sì a nuove opportunità, ma ci esporranno anche a grandi rischi: per citarne alcuni, l’incapacità di adattamento delle organizzazioni; le difficoltà da parte delle istituzioni ad adottare e regolamentare le nuove tecnologie; le criticità in termini di sicurezza generate da nuovi poteri; il possibile aumento delle diseguaglianze; la frammentazione della società.

Nel suo saggio, Schwab esamina e discute le principali conseguenze che la quarta rivoluzione avrà su governi, aziende, società civile e singoli individui, avanzando proposte per contenerne gli effetti negativi e per gestire questa grande ondata di cambiamenti.

Sui libri sulla rivoluzione industriale abbiamo detto tutto, per oggi: non ci resta che augurarti buona lettura!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali