informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come insegnare nelle scuole dell’infanzia? La guida

Comments Off on Come insegnare nelle scuole dell’infanzia? La guida Studiare ad Ancona

Vuoi sapere come insegnare nelle scuole dell’infanzia? Se hai un’attrazione verso la figura dell’insegnante per la scuola dell’infanzia, in questa guida ti illustreremo tutto ciò che ti occorre sapere per ricoprire questo ruolo.

Per insegnare nelle scuole dell’infanzia, il percorso è cambiato negli anni: per questo è necessario rimanere aggiornati su ciò che la legge prevede.

Per svolgere tale lavoro, occorrono necessariamente una serie di conoscenze e competenze che si acquisiscono con un percorso formativo stabilito precisamente, e ovviamente, una serie di soft skills per riuscire a svolgere al meglio le proprie mansioni.

Non resta che leggere questa guida e trovare tutte le informazioni che ti servono su questo argomento!

La guida per scoprire come insegnare nelle scuole dell’infanzia: ecco tutto ciò che devi sapere

Stai cercando di capire come insegnare nelle scuole dell’infanzia? In questa guida allora ti spiegheremo tutto ciò che ti serve sapere per accedere a questa professione.

Vedremo di cosa si occupa un’insegnante di scuola dell’infanzia, delle conoscenze e competenze richieste, il percorso di studi da affrontare e infine, come si entra nel mondo del lavoro.

Chi è e che cosa fa l’insegnante della scuola dell’infanzia: le mansioni

L’insegnante della scuola materna si occupa della formazione nella sua totalità di bambini di un’età compresa tra i 3 e i 5 anni.

Affiancato da altre figure professionali, svolge diverse mansioni, che vanno a dare supporto al bambino nella sua crescita.

Le diverse mansioni di questa figura professionale sono:

  • Supervisionare dei bambini, garantendo sicurezza e benessere;
  • Ideare e concretizzare un programma adatto alle necessità dei bambini;
  • Assistere i bambini durante i pasti e il riposo;
  • Insegnare attraverso attività di vario tipo il programma stabilito per bambini di età prescolare;
  • Coinvolgere i bambini nelle varie attività;
  • Favorire lo sviluppo dell’autostima e dell’autonomia del bambino;
  • Favorire e aiutare i bambini nell’espressione e interazione con gli altri;
  • Monitorare la salute psico-fisica del singolo bambino;
  • Verificare periodicamente il raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel piano educativo;
  • Promuovere abitudini comportamentali sane;
  • Relazionarsi con le varie famiglie, rendendo genitori e/o tutori partecipi dello sviluppo del bambino.

L’insegnante di scuola dell’infanzia deve fornire un ambiente sicuro e stimolante, dove i bambini possono giocare, imparare a interagire tra loro, percepire loro stessi, conoscere cose nuove e venire a contatto con diverse attività.

Tutte le attività sono volte alla formazione e allo sviluppo intellettuale, fisico ed emozionale del bambino.

Si tratta quindi di una figura che ha un ruolo chiave nella vita del bambino nei primi anni di vita, ma che lo influenzerà per tutto l’arco della vita.

Conoscenze e competenze

Per lavorare in questo campo, sono necessarie delle conoscenze e competenze in campo psicopedagogico. Questo per garantire ai bambini una formazione assoluta e professionale, sotto qualsiasi punto di vista: mentale, affettivo, relazionale.

Per venire incontro alle esigenze del bambini, sono necessarie diverse competenze che si acquisiscono durante il percorso formativo specifico per questo ruolo.

Insieme a queste conoscenze e competenze, devono essere abbinate una serie di attitudini e predisposizioni verso i bambini e le loro famiglie.

Questo, per riuscire a garantire un rapporto positivo, che punta alla crescita e miglioramento della qualità di vita a lungo termine.

Occorre quindi essere persone propositive, con grande energia e capacità di coinvolgere e divertire.

Essere un’influenza positiva per i bambini è essenziale, ma è necessario anche sapersi rapportare con le loro famiglie, per poter costruire una relazione di fiducia.

Bisogna saper lavorare sotto pressione, mantenere la concentrazione per lungo tempo e essere sempre disponibili per accogliere i bisogni dei bambini al meglio. Ha grande importanza il saper essere buoni comunicatori, ma anche ottimi ascoltatori. Non sempre i bambini sanno comunicare al meglio i propri bisogni e pensieri: riuscire a recepirli e aiutarli ad esprimerli è uno dei doveri più importanti dell’insegnante.

È altresì fondamentale saper porre dei limiti, quindi essere una figura autorevole, che i bambini sanno di dover rispettare quando è il momento di seguire le regole.

Tutto ciò lo si apprende nel tempo, con l’esperienza, e ovviamente, con una certa predisposizione iniziale.

Percorso di studi

Vediamo ora come diventare insegnante nelle scuole dell’infanzia a tutti gli effetti.

Per poter lavorare nelle scuole materne, ma anche negli asili nido (quindi con bambini dai 0 a 3 anni) è necessaria la laurea.

Fai bene attenzione: c’è una sostanziale differenza tra l’educatore d’asilo nido (nota anche come educatrice socio-pedagogico) e insegnante di scuola materna.

Ad ogni modo, Unicusano offre diversi percorsi formativi per chi vuole avvicinarsi alla professione. In particolare, il nostro Ateneo ha all’attivo diversi corsi afferenti l’Area Formazione:

  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Educatore Psico-Educativo e Sociale
  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Educatore Servizi per l’infanzia
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Socio-Giuridico
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Psico-Educativo

La caratteristica della formazione Unicusano è la possibilità di seguire le lezioni comodamente online. Come? Attraverso la metodologia telematica: con questo approccio, sarai tu a decidere quanto tempo dedicare alla tua formazione. Connettendoti alla tua Area Studenti, potrai seguire le lezioni in streaming, scaricare il materiale didattico di supporto e interagire con docenti e colleghi di corso. Il tutto coniugando la vita accademica con eventuali impegni professionali e personali.

Iniziare a lavorare come insegnante nelle scuole dell’infanzia

Una volta conseguito questo titolo di studio, si può proseguire in due diversi modi, a seconda di dove si desidera lavorare.

Se si desidera lavorare all’interno di strutture pubbliche, l’unica via è partecipare e superare un concorso.

Altrimenti, se si vuole lavorare in scuole dell’infanzia private, occorre candidarsi inviando un curriculum vitae (come si farebbe per la candidatura a qualsiasi azienda) e aspettando una telefonata per un colloquio conoscitivo.

Se sei interessato ad una carriera nel settore e vorresti iniziare a formarti con Unicusano, compila il form.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / MonkeyBusiness

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali