informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una mail di lavoro? Tre consigli utili

Saper scrivere una mail di lavoro è una delle skill fondamentali per neolaureati e professionisti che si approcciano alla ricerca di una nuova occupazione.

Il linguaggio di una mail professionale è tipicamente diverso da quello usato in una qualunque mail informale. Conoscere le differenze e saperle adattare correttamente alla tua necessità renderà la tua comunicazione estremamente più efficace.

Ecco tre consigli utili per imparare a scrivere una mail formale.

Ecco come scrivere una mail formale

Ogni giorno riceviamo decine di mail nelle nostre caselle di posta. Questo eccesso comunicativo rischia di distrarci dai messaggi davvero importanti: per questo è importante saper scrivere una mail chiara e concisa.

Abbiamo già parlato di come scrivere una lettera formale e di quali sono le caratteristiche da rispettare per essere efficaci in questo tipo di comunicazione. Vediamo insieme i tre consigli da tenere in considerazione per scrivere una mail formale.

#1 – Inserisci sempre l’oggetto

L’oggetto è la parte più importante della mail. Anche se ti sembrerà banale, avere un buon oggetto può fare la differenza tra una mail mediocre e una eccellente.

Una mail che non ha un oggetto potrebbe essere ignorata e cestinata ancor prima di essere letta.

Assicurati di inserire sempre un oggetto chiaro, che metta in evidenza il contenuto della mail.

Assicurati di inserire prima le parole più importanti nell’oggetto: questo perché l’anteprima dell’oggetto potrebbe non essere visibile su un dispositivo mobile. In generale, 6-8 parole possono essere sufficienti per descrivere in breve il contenuto di una business mail.

#2 – Semplifica il contenuto

Prima di premere il tasto invio, rileggi la tua mail con attenzione. Chiediti se ciò che hai scritto è:

  • Facilmente comprensibile dal pubblico di riferimento
  • Chiaro e conciso, inequivocabile
  • Breve e pertinente con il tema che vuoi affrontare
  • Grammaticalmente corretto

Rileggi la tua mail ed elimina tutto ciò che ti sembra superfluo. Le persone hanno poco tempo e amano andare dritte al punto. Per facilitare la leggibilità, inserisci delle spaziature e utilizza il grassetto per evidenziare i concetti più importanti.

Infine, non dimenticarti di chiudere la tua mail con una richiesta specifica d’azione: chiedi al destinatario di fare qualcosa e sii chiaro sul prossimo passo da fare.

#3 – Fai attenzione alle modalità di contatto

Se ti stai chiedendo come scrivere una mail di lavoro, è importante che tu tenga in considerazione l’inserimento delle modalità di contatto.

Quando chiudi la tua mail, accertati di inserire i tuoi contatti, come ad esempio il numero telefonico.

Su come impostare una mail abbiamo detto proprio tutto: continua a leggere i consigli dell’Università Niccolò Cusano per rimanere aggiornato su vita universitaria, metodo di studio e lavoro.

Comments Off on Come scrivere una mail di lavoro? Tre consigli utili Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Quali sono le Alleanze della Prima Guerra Mondiale?

Capire le Alleanze della Prima Guerra Mondiale è un passo fondamentale per comprendere la storia del conflitto nella sua interezza.

Tipicamente, in una guerra, ci sono fazioni contrapposte che si scontrano: ognuna di queste persegue un suo interesse e anche per il Primo Conflitto Mondiale è stato così.

Continuando nella lettura scoprirai:

  • Gli schieramenti della I Guerra Mondiale
  • Gli Stati coinvolti
  • L’evoluzione di Alleanze e conflitto

Se sei pronto, iniziamo subito.

Gli schieramenti della Prima Guerra Mondiale

La Prima Guerra Mondiale ha cambiato radicalmente gli assetti sociali, politici ed economici dei Paesi coinvolti. Ecco tutte le Alleanze che devi conoscere.

Triplice Alleanza

La Triplice Alleanza fu ratificata nel 1882 dagli imperi della Germania e dell’Austria-Ungheria, già stretti nella Duplice alleanza, nonché il Regno d’Italia.

L’accordo, di natura difensiva, fu fortemente voluto dall’Italia, che desiderava imporsi nel contesto internazionale e isolare la Francia, trionfante nelle campagne del Nord Africa.

L’Alleanza prevedeva che Germania e Austria avrebbero soccorso l’Italia nel caso di un attacco da parte della Francia, e così per le altre due se aggredite da potenze nemiche. In caso di dichiarazione di guerra da parte di una delle tre le altre si sarebbero dichiarate almeno neutrali.

L’accordo venne rinnovato nel 1887, con alcune aggiunte riguardanti una possibile espansione nei Balcani da parte di Italia e Austria, al termine della quale all’Italia sarebbero andati i territori subalpini. Inoltre, in caso di conflitto con la Francia, l’Italia avrebbe avuto appoggio dalla Germania e ottenuto territori come Corsica, Tunisi e Nizza.

Nel corso degli anni a seguire ci furono altre revisioni, nonostante le ostilità crescenti tra Austria e Italia. La fine dell’Alleanza ci fu nel 1913 quando l’Austria annunciò di voler attaccare la Serbia: l’Italia si dichiarò dapprima neutrale, data la natura offensiva, ma divenne parte attiva dopo il coinvolgimento dell’Albania.

Allo scoppio del Primo Conflitto Mondiale, l’Italia si dichiarò neutrale denunciando l’Alleanza.

All’uscita dell’Italia, Germania e Austria trovarono un sostegno da parte dell’Impero Ottomano e della Bulgaria. L’Alleanza prese poi il nome di Quadruplice Alleanza.

Triplice Intesa

La Triplice intesa fa riferimento all’accordo tra Gran Bretagna, Francia e Russia nel 1907, che durò almeno fino ad un certo punto del conflitto mondiale.

L’accordo nacque principalmente dal riavvicinamento militare ed economico di Francia e Russia, e quello di Francia e Gran Bretagna. A differenza della Triplice Alleanza, l’accordo non venne formalizzato.

L’Italia poi entrò a far parte dell’Intesa nel 1915 con il Patto di Londra, uscendo dalla Triplice Alleanza. La Russia abbandonò invece l’Intesa nell’ottobre del 1917.

Nel 1917 però entrarono a far parte del gruppo anche Stati Uniti e Giappone.

Sulle Alleanze del Primo Conflitto Mondiale abbiamo detto tutto: continua e seguirci per scoprire aneddoti, curiosità e consigli per migliorare il tuo studio ogni giorno.

Comments Off on Quali sono le Alleanze della Prima Guerra Mondiale? Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Quali sono i diritti dei consumatori più importanti?

Se studi diritto (o sei in procinto di farlo) sarai sicuramente interessato a conoscere meglio la sfera dei diritti dei consumatori, sanciti dal Codice del Consumo.

Per la legge italiana, sono in vigore alcune normative che disciplinano le regole della compravendita. In particolare, la legge stabilisce diritti e i doveri reciproci tra aziende e consumatori. Molto spesso i consumatori non sono pienamente consapevoli dei diritti che hanno e, per tale ragione, è più semplice che cadano prede di truffe e comportamenti equivoci.

In realtà il Codice del Consumo è estremamente importante per la giurisprudenza e fornisce una serie di tutele per chi compra, toccando diversi ambiti.

Ecco i diritti del consumatore più importanti da conoscere.

Le norme del Codice del Consumo

Il Codice del Consumo regola i rapporti tra chi vende e chi compra, sancendo diritti e doveri. Ecco quelli più importanti da conoscere.

I diritti

Il Codice del Consumo si concentra sulla tutela del consumatore mediante erogazione di una serie di normative relative a:

  • Sicurezza e salute dei consumatori: sul mercato sono ammessi solamente prodotti che non rappresentino un pericolo per la salute dei consumatori
  • Trasparenza ed equità: sono vietate le pubblicità ingannevoli e tutto ciò che potrebbe trarre il consumatore in inganno
  • Informazioni puntuali e veritiere: i consumatori hanno diritto all’informazione per poter scegliere fra i vari servizi loro offerti
  • Esercizio delle pratiche commerciali secondo i principi di buona fede e di correttezza e di lealtà
  • Educazione al consumo: questo diritto, sancito dall’art. 4, consiste nella predisposizione di strumenti informativi utilizzati per istruire il consumatore, che necessita di tutela, sul funzionamento dell’economia di mercato, sui prodotti e i servizi, sulle fonti di informazione, su come difendere i propri interessi.
  • Promozione e sviluppo dell’associazionismo libero, volontario e democratico tra consumatori e gli utenti
  • Erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza

Conoscere il Codice del Consumo: il Master

Operi nel campo della legge e vorresti specializzarti nei diritti dei consumatori?

Il Master II Livello in Diritto dei consumatori dell’Università Niccolò Cusano è la soluzione ideale per te. Il Master si rivolge a laureati e neolaureati in Giurisprudenza ed Economia, avvocati, risorse area legale e contenzioso di aziende, organizzazioni ed Autorità.

Il Master offre una panoramica completa della normativa vigente in materia di tutela del consumatore anche alla luce dei recenti aggiornamenti apportati al Codice del Consumo nonché analizzare i profili applicativi mediante l’approfondimento dei contributi di dottrina, giurisprudenza e provvedimenti dell’Autorità di Vigilanza.

Il percorso di studi viene erogato in modalità telematica: avrai la possibilità di seguire le lezioni comodamente online da Ancona e dintorni, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Per iscriverti al Master sui diritti dei consumatori, compila il form e sarai ricontattato.

Comments Off on Quali sono i diritti dei consumatori più importanti? Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Quali sono i corsi di laurea online ad Ancona?

Cerchi informazioni utili sui corsi di laurea online ad Ancona?

Se stai pensando di iscriverti all’Università di Ancona, sei nel posto giusto: in questa guida ti illustreremo le proposte dell’Università Niccolò Cusano per la tua formazione a distanza, dai corsi di laurea triennali a quelli magistrali.

La scelta dell’Università perfetta richiede notevole impegno, oltre ad una serie di fattori da valutare: primi fra tutti, la qualità della formazione e le modalità didattiche. Ecco perché la metodologia telematica migliorerà la qualità del tuo studio.

Studiare online ad Ancona con Unicusano

Sei un neodiplomato o un lavoratore che vorrebbe intraprendere un percorso di laurea ad Ancona? Continua nella lettura e scopri le opportunità che Unicusano ha riservato per te.

LEGGI ANCHE >> Laurearsi ad Ancona: tre consigli da seguire

La metodologia telematica

Come abbiamo detto, un fattore fondamentale nella scelta dell’Università è la metodologia didattica. Unicusano è un Ateneo telematico che eroga corsi di laurea e master attraverso la metodologia telematica. Ciò significa che potrai seguire le lezioni ad Ancona e provincia, comodamente online, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Nessun obbligo di frequenza ad orari imposti: sarai tu, in autonomia, ad organizzare le tue giornate, coniugando lo studio con eventuali altri impegni professionali.

I Corsi di Laurea attivi

L’Università Niccolò Cusano vanta corsi di laurea triennali e magistrali attivi in ben sei facoltà, definite anche aree didattiche. Ecco quelli tra cui potresti scegliere:

Area Economica

  • Corso di Laurea in Economia aziendale e Management (L-18)
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze economiche (LM-56)- curriculum Mercati globali e innovazione digitale
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze economiche (LM-56) – curriculum Gestione e professioni d’impresa

Area Giuridica

  • Corso di Laurea in Giurisprudenza (LMG/01)

Area Psicologica

  • Corso di Laurea in Psicologia, Scienze e Tecniche psicologiche (L-24)
  • Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) – curriculum Psicologia clinica e della Riabilitazione
  • Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) – curriculum Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni

Area Ingegneristica

  • Corso di Laurea in Ingegneria Civile (L-7) – curriculum Strutture
  • Corso di Laurea in Ingegneria Civile (L-7) – curriculum Edilizia
  • Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile (LM-23)
  • Corso di Laurea in Ingegneria Industriale (L-9) – curriculum Agroindustriale
  • Corso di Laurea in Ingegneria Industriale (L-9) – curriculum Biomedico
  • Corso di Laurea in Ingegneria Industriale (L-9) – curriculum Gestionale
  • Corso di Laurea in Ingegneria Industriale (L-9) – curriculum Elettronico
  • Corso di Laurea in Ingegneria Industriale (L-9) – curriculum Meccanico
  • Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica (LM-29)
  • Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica (LM-33) – curriculum Produzione e Gestione
  • Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica (LM-33) – curriculum Automotive
  • Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica (LM-33) – curriculum Progettazione

Area Politologica

  • Corso di Laurea Scienze politiche e relazioni internazionali (L-36)
  • Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali (LM-52)

Area Formazione

  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Educatore Psico-Educativo e Sociale
  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Educatore Servizi per l’infanzia
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Socio-Giuridico
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Psico-Educativo

Per iscriverti ad uno dei corsi di laurea online a Ancona, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Comments Off on Quali sono i corsi di laurea online ad Ancona? Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Laurearsi ad Ancona: 3 consigli da seguire

Laurearsi ad Ancona è la scelta ideale per chi vuole studiare rimanendo in città e coniugando allo studio un’eventuale attività professionale.

Le opportunità offerte dalla città sono molteplici: Ancona, infatti, è uno dei luoghi migliori per uno studente, ricco di spazi comodi per dedicarsi alla lettura e possibilità di svago nelle pause dallo studio.

In questa guida ti daremo tre consigli fondamentali per vivere l’Università Ancona nel miglior modo possibile per favorire la tua crescita. Iniziamo subito.

Cosa devi sapere prima della tua laurea ad Ancona

Stai pensando di laurearti ad Ancona ma non sai quale facoltà scegliere? Vorresti conoscere le migliori opportunità che potresti cogliere nel tuo percorso accademico? Continua nella lettura e scopri ora tutto quello che devi sapere prima della laurea all’Università Niccolò Cusano di Ancona.

LEGGI ANCHE >> Studiare online ad Ancona: le proposte per la tua formazione

Studiare ad Ancona Online

La prima cosa da sapere se hai intenzione di laurearti ad Ancona è che puoi intraprendere questo percorso anche online. Come? Semplice: Unicusano propone una metodologia formativa davvero unica: la metodologia telematica.

Questa ti permette di seguire le lezioni comodamente online, accedendo ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Nessun tempo imposto per studiare: sarai tu a decidere, in piena autonomia, come gestire il tuo studio. Ciò ti permette anche di coniugare con la tua laurea un’eventuale attività professionale.

Benefici e opportunità

Unicusano ti supporta per massimizzare la tua produttività e rendere la tua esperienza universitaria indimenticabile. Lavoriamo costantemente per costruire un’offerta formativa sempre più allineata con le richieste del mercato: per questo siamo in contatto con le più grandi Aziende nazionali e non.

Ti aiutiamo a collocarti nel mercato del lavoro con il servizio Career Service: gli specialisti ti aiuteranno a presentarti al meglio, a gestire un incontro professionale e a trovare nuove opportunità.

Durante la tua carriera universitaria, sarai seguito da un tutor, un punto di riferimento che ti spiegherà tutto quello che devi sapere sulla piattaforma di e-learning, ti supporterà psicologicamente e ti aiuterà a definire il metodo di studio ideale a seconda del tuo stile di apprendimento.

Corsi di Laurea e Master

L’offerta formativa dell’Università di Ancona Unicusano prevede un’ampia offerta di Corsi di Laurea e Master di I e II Livello.

I corsi di laurea Unicusano, sia triennali che magistrali, sono fruibili online attraverso la nostra metodologia telematica. I Corsi di laurea sono legati a sei aree tematiche: economica, giuridica, psicologica, ingegneristica, politologica, formazione.

Per capire quale corso di laurea è migliore per te, inizia dal nostro test di orientamento. Se hai già le idee chiare, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Comments Off on Laurearsi ad Ancona: 3 consigli da seguire Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Università ad Ancona? Ecco le migliori opportunità

Vorresti iscriverti all’Università ad Ancona ma non sai da dove cominciare?

In questa guida ti illustreremo le migliori opportunità a cui puoi accedere iscrivendoti all’Università Niccolò Cusano e quali sono i benefici che uno studente di un corso di laurea o di un Master può avere fin da subito con il nostro Ateneo.

Sappiamo bene quanto sia complessa la scelta della facoltà universitaria. Proprio per questa ragione vogliamo aiutarti a rispondere a qualche dubbio sull’Università che può aiutarti concretamente a costruire il tuo futuro professionale e il tuo bagaglio di conoscenze. Per conoscere tutto questo, continua nella lettura.

Continue Reading

Comments Off on Università ad Ancona? Ecco le migliori opportunità Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Cosa scrivere quando si allega un curriculum? Idee e esempi pratici

Cosa scrivere quando si allega un curriculum? Beh, questa è sicuramente una delle domande più interessanti per chi è alla ricerca di un lavoro e non sa da dove cominciare.

Avere un curriculum vitae ben fatto non basta per conquistare la fiducia e l’interesse del tuo interlocutore. Spesso è necessario fare uno sforzo creativo in più e scrivere qualche riga su di te da allegare al tuo CV. A seconda delle modalità di invio, puoi allegare queste righe ad una mail o riportarle nello stesso corpo della mail.

Insomma, avrai bisogno di scrivere una “presentazione” che evidenzi anche le ragioni per il quale ti stai candidando, quali sono le tue potenzialità e cosa puoi fare per offrire un valore aggiunto all’azienda.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano ti spiegheremo come si scrive una mail di accompagnamento al CV, dagli argomenti da toccare alla struttura. Iniziamo subito.

Come presentarsi al meglio alle aziende

Che tu sia un neolaureato Unicusano o un professionista, avrai sicuramente bisogno di inviare dei CV alle aziende per trovare lavoro. Se sogni di lavorare in un’azienda ma non sai come presentarti nel modo giusto per fare colpo, continua nella lettura e scopri tutti i migliori consigli per ottenere un colloquio di lavoro.

Perché scrivere una mail di accompagnamento?

A seconda del lavoro per il quale si sta candidando, potrebbe essere necessario inviare per e-mail il proprio curriculum e lettera di presentazione.

Anche se stai cercando lavoro su piattaforme come LinkedIn, il recruiter di riferimento potrebbe chiederti di inviare per e-mail i materiali della tua candidatura, per consultarli e condividerli con il potenziale datore di lavoro.

La mail di accompagnamento serve per presentarti, per ricordare alla persona a cui stai mandando il materiale chi sei, per mettere in luce la tua voglia di fare.

Quando ti viene richiesto di inviare un curriculum o una lettera di presentazione via e-mail, segui questi passaggi per assicurarti di aver allegato correttamente i tuoi documenti. In questo modo aumenterai le possibilità di essere chiamato per un colloquio.

Includi l’oggetto della mail

Anche se non sembrerebbe, l’oggetto è una delle parti più importanti delle mail inviate per la richiesta di lavoro. Se non ne includi uno, il tuo messaggio potrebbe non essere nemmeno aperto.

L’oggetto della mail ha come obiettivo quello di spiegare al lettore chi sei e che lavoro stai richiedendo. Sii specifico, in modo che il destinatario sappia cosa sta ricevendo. I datori di lavoro spesso aprono contemporaneamente più posizioni, quindi includi sia il tuo nome che il riferimento al lavoro.

Aggiungi un oggetto al messaggio e-mail prima di iniziare a scriverlo. In questo modo, non dimenticherai di includerlo in seguito. Potresti scrivere ad esempio:

Mario Rossi – Candidatura “Ingegnere Meccanico Junior”

Se il datore di lavoro richiede informazioni aggiuntive, come un numero identificativo dell’annuncio, assicurati di includere anche quello nella riga dell’oggetto.

Leggi con attenzione le informazioni contenute nell’annuncio

Spesso quando ci chiediamo cosa scrivere quando si allega un cv, ci dimentichiamo di leggere con assoluta attenzione l’annuncio. Proprio l’annuncio di lavoro contiene informazioni preziose da utilizzare come spunti e come contenuti di base della tua risposta.

Inviare gli allegati correttamente e includere tutte le informazioni necessarie per l’apertura e la lettura del messaggio e-mail sono passaggi fondamentali. Se nell’annuncio sono contenute informazioni importanti e tassative sulle modalità di candidatura, è importante seguirle alla lettera: invia esattamente ciò che hanno richiesto, in termini di informazioni e formati. In caso contrario, il tuo messaggio potrebbe non essere mai preso in considerazione.

Allega i documenti richiesti

Quando invii una mail per una candidatura, è fondamentale reperire gli allegati utili il tuo messaggio. Salva il tuo curriculum come documento PDF, così come la tua lettera di presentazione.

Non dimenticare di rinominare il file: usa il tuo nome come nome del file , in modo che chi legge saprà immediatamente a chi appartengono CV e lettera di presentazione.

Prima di premere invio, ricontrolla i file più volte: potrebbero esserci refusi e errori grammaticali che ti sono sfuggiti al primo check. Controlla che:

  • Il formato dell’invio sia esattamente il PDF: non ti consigliamo di allegare formati editabili come il Doc. Invia un PDF che è universalmente visualizzabile e non è modificabile. Se non riesci a scaricare il file in PDF, online trovi decine di convertitori dal formato Doc al PDF (gratuiti)
  • Le informazioni siano aggiornate: se hai cambiato numero di telefono, ad esempio, ricorda di controllare che le info nel cv siano aggiornate
  • Il tuo linguaggio sia coerente: sii sempre chiaro ed esaustivo. Non dilungarti troppo in dettagli inutili e punta tutto sulla semplicità, per evitare di annoiare l’interlocutore.

Scrivi un testo nella mail

Veniamo ora al corpo della mail e al contenuto da indirizzare al potenziale datore di lavoro.

A questo punto, hai due possibilità principali:

  • Puoi allegare una lettera di accompagnamento direttamente nel messaggio e-mail e mantenerti breve nella mail;
  • Puoi concentrarti sul corpo della mail e evitare la lettera di presentazione

Se alleghi una lettera di accompagnamento, il messaggio e-mail può essere breve. Basta indicare che il curriculum e la lettera di accompagnamento sono allegati. Se, invece, stai scrivendo una lettera di accompagnamento e-mail, assicurati di inserire queste informazioni:

  • Chi sei: presentati, scrivi il tuo nome e cognome e illustra la tua professionalità
  • Perché ti stai candidando per quel posto in azienda: spiega perché tra tante aziende hai scelto di inoltrare il CV proprio per questa posizione;
  • Cosa potresti offrire: descrivi il beneficio che la tua professionalità può offrire nel ricoprire quella posizione lavorativa

Ecco un esempio:

Buongiorno Dott. Bianchi,

sono Mario Rossi, ingegnere meccanico junior. Invio questa mail per candidarmi per la vostra posizione aperta presso l’azienda XYZ.

Ho una buona esperienza come ingegnere: ho fatto diversi stage in questo ruolo in aziende come XY e YY. Ho un’ottima padronanza di strumenti di lavoro come i software XY. Mi interessa molto entrare in contatto con la vostra realtà perché ne condivido appieno i valori e la cultura. Ho letto con attenzione la vostra mission e si sposa bene con i miei principi di lavoro: piacerebbe molto anche a me realizzare sistemi in grado di cambiare davvero la vita delle persone.

Ho allegato la mia lettera di presentazione e il mio curriculum. Sarei davvero felice se mi contattasse per una chiamata conoscitiva. Grazie per il suo tempo e a presto

Inserisci la firma

È fondamentale includere una firma e-mail con le informazioni di contatto, per facilitare il recruiter nel ricontattarti. Inserisci il tuo nome completo, il tuo indirizzo email e il tuo numero di telefono nella tua firma, in modo che possano ricontattarti velocemente. Se hai un profilo LinkedIn, includilo nella tua firma. Fai lo stesso con qualsiasi altro account di social media che usi per motivi di lavoro.

Su come scrivere un messaggio per una candidatura abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che mettere in pratica i nostri consigli e trovare il lavoro che desideri.

Comments Off on Cosa scrivere quando si allega un curriculum? Idee e esempi pratici Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Le 5 idee di abbigliamento per un esame

Una delle domande più comuni tra gli studenti universitari riguarda proprio l’abbigliamento giusto per un esame. Come vestirsi durante una prova?

Beh, rispondere a questa domanda in apparenza semplice è fondamentale per offrirti qualche strumento in più per affrontare l’esame serenamente, sentendoti a pieno agio e libero da pensieri extra che rischiano di spostare il tuo focus e la tua concentrazione.

Mantenere i nervi saldi e la concentrazione al massimo è tutto ciò che devi fare durante la tua prova: per permettere che ciò accada, è bene curare ogni aspetto della “preparazione” all’esame. Questi aspetti possono riguardare l’alimentazione, la qualità del sonno e anche l’abbigliamento.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano ti spiegheremo quali sono i 5 aspetti da considerare quando si sceglie l’abbigliamento per l’Università e per sostenere un esame.

Se sei pronto, iniziamo subito.

5 consigli su come vestirsi per un esame universitario

Ti stai chiedendo quale sia l’abbigliamento più adatto per sostenere un esame universitario o la discussione della tesi di laurea? Sei nel posto giusto: continua nella lettura e scopri come vestirti per essere più sereno e sicuro di te.

Abbigliamento

Il primo aspetto da considerare in questa guida è proprio l’abbigliamento per l’esame. Consiglio numero uno: scegli qualcosa che ti faccia sentire pienamente a tuo agio.

Il momento dell’esame, così come quello della discussione della tesi, è qualcosa di estremamente delicato che richiede la massima concentrazione e la massima fiducia in te stesso. Come ti sentiresti ad indossare qualcosa che ti fa sentire a disagio?

Per questo, opta per qualcosa di comodo, semplice e che ti faccia sentire al sicuro, senza esagerare. Evita gli “eccessi” come i pantaloni troppo corti, la vita troppo bassa e così via. L’ideale in questi casi è un abbigliamento casual e, nel caso della discussione di laurea, un po’ più elegante.

Vestiti si: per un esame, vanno bene anche una camicia e un paio di jeans. Anche una t-shirt o una polo possono andare bene.

Accessori

Per quanto riguarda gli accessori, il nostro consiglio è quello di optare per qualcosa che sia comodo e funzionale. Un esempio? Durante l’esame, avrai sicuramente bisogno delle dispense, dei testi e degli appunti da consultare prima della prova.

L’accessorio perfetto è una ventiquattrore o, in alternativa, uno zaino o una borsa capiente in cui inserire le dispense oltre a carta e penna. Non dimenticare uno spazio per i documenti, per una penna di riserva e per uno spuntino spezzafame.

Parlando invece di accessori come gioielli e orologi, specie se si parla di una discussione della tesi, opta per qualcosa di sobrio e di poco appariscente.

Scarpe

Passiamo ora alle scarpe. Anche in questo caso, la parola d’ordine è comodità.

Per le donne, meglio evitare i tacchi eccessivamente alti soprattutto se si prospetta una lunga giornata e si deve rimanere molte ore in piedi. Allo stesso tempo, soprattutto se stiamo parlando di una discussione per la tesi, è bene anche evitare le scarpe da ginnastica eccessivamente casual.

Opta per una giusta via di mezzo: sono perfette le sneaker comode, i mocassini, i tacchi bassi e larghi. Per l’estate possono andare anche i sandali; meglio invece evitare le infradito in plastica, che conferiscono un look troppo casual.

Trucco

Per le ragazze, il trucco può essere una componente molto importante di un look. In questo caso, ciò che è importante è mostrare eleganza e sobrietà. No ai trucchi da sera, eccessivamente ricchi di dettagli. Un grande si, invece, ai trucchi semplici, acqua e sapone, capaci di mettere in risalto il volto e valorizzare i tratti.

Capelli

Concludiamo parlando di capelli. Per sembrare più eleganti e in ordine, le ragazze possono raccogliere i capelli in una coda o in uno chignon, evitando acconciature eccentriche e vistose, o peggio ancora, di risultare spettinate.

I ragazzi possono invece mantenere una pettinatura elegante senza esagerare con il gel. Anche la barba in ordine aiuterà a non sembrare trasandati.

I consigli finali per l’abbigliamento

Ci siamo: ora che abbiamo visto come vestirsi per un esame o quale abito scegliere per la discussione della tesi, concludiamo con qualche accorgimento sempre valido per il tuo look universitario.

  • La semplicità paga sempre: essere semplici in questo contesto ti aiuta a sentirti a tuo agio e a trasmettere a te stesso quel senso di sicurezza di cui hai bisogno per sentirti più preparato durante l’esame;
  • Scegli la comodità: abiti molto comodi e scarpe basse ti aiutano a rimanere anche molte ore in piedi o seduto senza essere insofferente

Sull’abbigliamento per l’esame abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che mettere in pratica i nostri consigli e superare con successo tutte le prossime sfide.

Comments Off on Le 5 idee di abbigliamento per un esame Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Le 7 idee regalo per la festa di laurea

Ti stai chiedendo quali siano le 7 idee regalo per la festa di laurea più gettonate?

Beh, festeggiare una laurea è sicuramente uno dei traguardi più belli e ambiti. Dedicare un pensiero alla persona che si laurea, che sia un amico, un parente o un partner, contribuirà sicuramente alla felicità del momento

La laurea, infatti, rappresenta un traguardo importante, l’inizio di un nuovo ciclo di vita che si presuppone lavorativo. I regali tipici di una laurea sono dei gioielli, un viaggio, un bel capo di abbigliamento o qualche oggetto tecnologico. E poi esistono anche i regali di laurea simpatici, oggetti creativi per omaggiare il futuro “dottore”.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano ti daremo una serie di consigli utili per trovare l’omaggio giusto, attraverso sette spunti evergreen. Iniziamo subito.

Continue Reading

Comments Off on Le 7 idee regalo per la festa di laurea Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Come studiare procedura civile: gli step da seguire

Sei uno studente di giurisprudenza e sei curioso di scoprire come studiare procedura civile?

In questa guida ti spiegheremo come superare uno degli esami più complessi della facoltà di Giurisprudenza, con consigli utili e pratici per centrare il tuo obiettivo.

Ebbene, se stai studiando giurisprudenza e sei prossimo ad affrontare uno degli esami di diritto più importanti dell’intero percorso universitario, avrai sicuramente qualche dubbio su come passare brillantemente la tua prova.

Che cosa è un ufficiale giudiziario e come si pignora un bene? Ancora, come si presenta un ricorso, come si deve preparare un fascicolo per iscrivere a ruolo il decreto e poi dove si va a depositare l’atto? Sono tutti argomenti apparentemente complessi legati a questa materia, ma che in realtà possono essere assorbiti acquisendo il giusto metodo di studio.

L’esame di procedura civile, infatti, tratta di quelle norme giuridiche che servono a trattare e regolare lo svolgimento di un processo civile. Per molti studenti si tratta di un vero e proprio ostacolo, ma non temere: con un buon metodo, la giusta dedizione e programmazione puoi diminuire i tempi di studio e aumentare i risultati.

Continue Reading

Comments Off on Come studiare procedura civile: gli step da seguire Studiare ad Ancona

Leggi tutto

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali